e-duesse.it / Editorial(ist)i / Emanuela Sesta

navigation

 

Sempre. Infatti non è solo uno strillo che campeggia sulla copertina di questo primo numero di UpTrade, ma un motto che deve comandare le scelte votate a un cambiamento profondo. Quanto mai necessario.

 

Questa trasformazione che viviamo tutti sulla viva pelle, impone un cambio di passo, quanto mai celere. Basta guardare fuori dal nostro ‘micro’ mercato per comprendere appieno che le mentalità locali campanilistiche non sono più sostenibili e lo dimostrano le partnership siglate a livello europeo, come quella tra MediaMarktSaturn e Fnac Darty, due dei maggiori rivenditori di elettronica di consumo del vecchio continente, fatte allo scopo di creare valore per i consumatori, i fornitori e i partner. In altre parole, allo scopo di perseguire la famosa efficienza. Un obiettivo che oggi sembra lontano anni luce dalle logiche spinte sui volumi che guidano il canale technical italiano.

 

Pierluigi Bernasconi, nell’intervista interna che ci ha rilasciato in esclusiva, ricorda a tutti che già prima dell’arrivo di Amazon in Italia si partiva da una struttura margini precaria.

 

E un altro pure player di nome ePrice ha eroso quote in maniera costante al canale in uno dei mercati cassaforte, com’è il bianco, e ha addirittura palesato una campagna affissionistica (documentata nelle pagine di questa rivista) in una delle strade dello shopping milanese, mettendo in luce alcune ‘criticità’ dei punti vendita fisici.

 

Occorre quindi dare una nuova prospettiva e una nuova valenza al ruolo del punto vendita fisico e lo facciamo offrendovi una suggestione, uno spunto concreto, aiutati da uno studio di architettura milanese, di come un negozio potrebbe essere oggi: in una parola, esperienziale, affinché torni a essere il punto focale per l’engage col cliente finale, per creare la relazione che poi diventa vendita e quindi fidelizzazione.

 

Per questo è nata UpTrade, fondendo Trade Bianco e Trade Consumer Electronics, perché ormai la battaglia è unica per tutti i segmenti di prodotto proposti, per tutto il retail fisico e virtuale: conquistare il cliente e tenerlo con sé.

Emanuela Sesta


Nata a: Monza il 19 ottobre 1979
In Editoriale Duesse dal: a lot of time
Mi piace: leggere, il cinema, il teatro, l’aperitivo del venerdì e le mie figlie Emma e Sara
Non mi piace: i giornalisti ‘tromboni’
Quando non scrivo su UpTrade mi occupo di: adoro realizzare eventi di ogni tipo
Citazione: “Le donne possono essere imprudenti, ma l’uomo no” Vito Corleone, Il Padrino I


Archivio

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31