e-duesse.it / Editorial(ist)i / Linda Parrinello

navigation

 

STa accadendo qualcosa di nuovo nella televisione italiana di cui ancora non si vede perfettamente la portata, ma che potrebbe – volendo, almeno si spera – avere effetti importanti. Nello specifico consiste nel fatto che in Rai sia arrivato un nugolo di manager extra-generaliste, ovvero nati e formati nelle palestre di quelle reti che fino a qualche tempo fa venivano genericamente e riduttivamente definite “Altre”, a volte liquidate con sufficienza come portatrici di “nano-share”. Il fatto è importante perché – possano piacere o meno presi a uno a uno i singoli soggetti – introduce comunque regole diverse nel pensare e impostare l’identità stessa del servizio pubblico di un Paese la cui azione ha, impossibile negarlo, ricadute sull’intero sistema televisivo. È questa la nota di maggior pregio che si evince dalla decima edizione della nostra Power Map e che regala a Rai la palma di player più reattivo. Perché il bello è che il fenomeno non si ferma alle prime linee, ma appare più marcato anche nelle seconde e terze linee, con professionisti formatisi o contaminatisi all’interno di media company globali come Viacom, Fox, Sky e Discovery, che stanno contribuendo a creare nuovi player o permeando anche aziende più storiche attraverso skill internazionali che i loro predecessori neanche aspiravano ad avere. Per il resto, in un contesto generale in cui la raccolta adv non cresce, aumenta il peso strategico dei vertici delle concessionarie, mentre è tra i talent che si fa sentire l’assenza totale di nuove leve: che il mercato sia troppo debole per rischiare su di loro, piuttosto che siano loro a sentirsi impreparati o impauriti per mettersi in gioco in un contesto diventato estremamente competitivo e meno remunerativo, al momento non è dato saperlo. Non rimane che confidare in un recupero per l’undicesima edizione...

Linda Parrinello


In Editoriale Duesse da:
 non ricordo più…

Secondo me, la televisione è: mediamente peggiore di chi la guarda e di chi la fa

Scrivere di televisione è: utile quando si informa sui contenuti, interessante quando si approfondisce il mercato, superfluo quando si punta sul puro gossip

I programmi che preferisco: quelli che parlano al cervello

I programmi che evito: quelli che mirano alla pancia

Il programma più amato: “I Simpson”

La tv di qualità è: quella che ha un suo stile

La sigla dell’infanzia: “Luna Park” del ‘79

La sigla della maturità: “Mad Men”

A proposito di quelli che la sanno lunga: “La televisione non potrà reggere il mercato per più di sei mesi. La gente si stancherà subito di passare le serate a guardare dentro una scatola di legno” (Darryl F. Zanuck, fondatore della 20th Century Fox - 1946)


Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31