e-duesse.it / Editorial(ist)i / Linda Parrinello / Perché parliamo di social tv

navigation

Perché parliamo di social tv

Dedicare una copertina al fenomeno della social tv nel momento in cui tutti i grandi broadcaster sono impegnati in manovre di ottimizzazione (leggasi, redazioni che vanno e vengono con innegabile perdita di posti di lavoro), mentre le concessionarie sono impegnate a difendere con le unghie e con i denti i loro spazi dall’assedio dei colossi web, in Rai si gioca l’ennesima partita del tutti contro uno e viceversa, e i pensatoi per i palinsesti autunno-inverno sono in fermento, può sembrare quasi un tentativo di rimozione.

Ma come? Con i problemi contingenti che ci sono, si sposta l’attenzione sui social? Ebbene sì, perché proprio in un momento in cui si potrebbe dire tutto e il suo contrario (come avviene del resto quotidianamente sui giornali e nei corridoi delle aziende audiovisive), porre l’attenzione sui contenuti, sulle loro diramazioni tecnologiche e sulle implicazioni di business che ciò comporta, può tradursi in una boccata d’ossigeno in mezzo a tanto clamore.

Soprattutto perché, a ben guardare i servizi che compongono il dossier a cui dedichiamo la cover story, i risultati trimestrali e la nuova funzionalità della Nielsen Social Content Ratings, unitamente ai risultati dell’Osservatorio Social Tv dell’Università La Sapienza di Roma, indicano come da una fase di studio e di monitoraggio e osservazione quasi passiva, si è giunti alla necessità di un cambiamento di paradigma. Per dire, è arrivato il momento per i broadcaster di fare di necessità virtù e di prendere saldamente le redini della gestione del fronte social dei loro contenuti, per trasformarli in driver del loro core business: la televisione sempre, comunque e ovunque. Visto che cresce (seppur ancora in misura non importante, ma significativa per intravederne una tendenza) il numero degli utenti – per lo più giovani – che decide di accendere la tv dopo aver verificato che se ne sta parlando sui social media, o perché si segue l’account di conduttori e attori protagonisti dei programmi, nonché gli account ufficiali di quest’ultimi.

L’obiettivo dichiarato è che si vuole condividere il programma preferito e interagire con esso attraverso gli spazi online dedicati, nonché commentarlo nelle chat, nei fan club e nei gruppi di discussione. Il tutto in un contesto entertainment che diventa anche ludico e di shopping: si gioca con le app di game legate allo show e si interagisce con gli spot attraverso un dispositivo mobile per fare acquisti on line anche di prodotti mostrati all’interno del programma. Insomma, fermo restando che non si è ancora ai livelli di un’abitudine generalizzata da parte della platea tv, tuttavia si profila un ampio terreno d’attività per reti, produttori, agenti e talenti, che va arato e dissodato soprattutto per non lasciarlo in pasto a operatori e utenti che non saprebbero resistere alla tentazione di appropriarsi di ogni margine lasciato colpevolmente vuoto. Ma occorre fare tutto questo presto e bene, resistendo alla tentazione di lasciar cadere questa opportunità ricorrendo a facili scorciatoie. Come dire? Non basta creare una app o inserire nel cast di un programma un blogger per pensare di aver assolto a tale compito. Occorre studiare e provare, riprovare e sperimentare in continuazione, consapevoli del fatto che sarà sempre la personalizzazione della risposta al pubblico a fare la differenza in termini di efficacia. E, almeno qui, si dovrà imparare a fare a meno di format precotti...

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Linda Parrinello


In Editoriale Duesse da: non ricordo più…

Secondo me, la televisione è: mediamente peggiore di chi la guarda e di chi la fa

Scrivere di televisione è: utile quando si informa sui contenuti, interessante quando si approfondisce il mercato, superfluo quando si punta sul puro gossip

I programmi che preferisco: quelli che parlano al cervello

I programmi che evito: quelli che mirano alla pancia

Il programma più amato: “I Simpson”

La tv di qualità è: quella che ha un suo stile

La sigla dell’infanzia: “Luna Park” del ‘79

La sigla della maturità: “Mad Men”

A proposito di quelli che la sanno lunga: “La televisione non potrà reggere il mercato per più di sei mesi. La gente si stancherà subito di passare le serate a guardare dentro una scatola di legno” (Darryl F. Zanuck, fondatore della 20th Century Fox - 1946)


Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30