e-duesse.it / Editorial(ist)i / Silvia Balduzzi - Babyworld

navigation

 

La difficile congiuntura economica degli ultimi anni ci ha restituito un mercato dei Baby Product profondamente mutato. Per chi è rimasto oggi sul mercato l’imperativo deve essere quello di modularsi continuamente sulle nuove esigenze del consumatore. Come dimostra la case history di Bim…Birilli, insegna situata a Villongo, in provincia di Bergamo, a cui dedichiamo l’intervista di copertina di questo numero, in un negozio della Prima Infanzia «non possono mancare la qualità dei prodotti, la riconoscibilità, la professionalità nell’approcciarsi al cliente, un servizio esclusivo e personalizzato e una continua ricerca e proposta di soluzioni davvero innovative». Secondo la titolare Elena Polini, infatti, per raggiungere il successo è necessario «continuare ad investire, anche in momenti di mercato più critici e rischiare anche proponendo prodotti nuovi e all’avanguardia». Perché oggi l’utente finale è sempre più esigente. Ne è una prova, come emerge dal Tüv Süd “Safety Gauge 2017”, il costante incremento della sensibilità nei confronti del tema della sicurezza. Nell’ambito della Prima Infanzia, infatti, la percentuale di coloro che considera la sicurezza un parametro “molto importante” in fase di acquisto è salita dal 63% del 2012 al 73% del 2016 e le previsioni sono che entro il 2021 si arriverà al 75%. Ma non solo. Dal punto di vista delle aziende del settore è particolarmente interessante un’altra indicazione contenuta nello studio: l’interesse per la sicurezza trova una concreta conferma nella maggiore disponibilità del consumatore a premiare i prodotti che offrono maggiori garanzie, anche a costo di pagare un prezzo superiore.

Silvia Balduzzi - Babyworld



Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31