e-duesse.it / Forum / Incentivi per gli elettrodomestici. Cosa ne pensate?

navigation

Incentivi per gli elettrodomestici. Cosa ne pensate?

|
|
Argomento Successivo
 »

Devi loggarti per accedere ai forum. Effettua il login da qui

Autore Messaggio

redazione web

Venerdì, 21 Giugno 2013 11:07:36

Incentivi per gli elettrodomestici. Cosa ne pensate?

redazione web

Venerdì, 21 Giugno 2013 11:26:10

Alcuni nostri lettori hanno commentato la nostra news: Incentivi anche su elettrodomestici free standing e built in?
esprimendo la necessità di uno spazio dove poter continuare il dibattito coinvolgendo il maggior numero possibile di operatori del settore.
Questo forum su e-duesse desidera essere quello spazio.
Riportiamo di seguito i precedenti interventi che potete leggere anche come commento alla news

Ringrazio vivamente il Sig. Roselli per il suo efficace intervento.
Roselli mette in evidenza la crisi del mercato e proprio oggi sul giornale nostro locale " l'Adige" vieme messa in evidenza la crisi del settore bianco con una Whirlppol che parla di allarme nel settore, con una possibile ripercussione anche sulla riduzione del personale che si dovrebbe conteggiare nell'ordine di 450 unità a livello europeo.
Oggi cercherò di contattare l'assessore al Commercio e Industria della Provincia di Trento per capire cosa l'ente vorrà fare a tutela del personale della fabbrica di Trento.
Ecco appunto la mia richiesta agli organi sindacali e al governo per un impegno per il rilancio del nostro settore e non dedicare il tutto all'"automobile".
Rosa dallavo

Visto che per varie ragioni la rappresentatività della base degli operatori nella distribuzione è prossima allo zero , ben venga l'idea di un BLOG dove raccogliere non solo i risentimenti ma anche le proposte dei singoli imprenditori.
Le organizzazioni sindacali di categoria si sono trasformate da tempo in un sistema chiuso , incapace di rappresentare effettivamente la gran massa degli iscritti e di farne valere le richieste presso le istituzioni. Quest'ultime , a loro volta ,continuano pedissequamente nell' operare e legiferare senza tener conto delle effettive necessità dei propri rappresentati e senza tener conto del profondo stato di crisi in cui è stato precipitato il Paese.
Anche se spesso si rilevano proteste da parte delle organizzazioni di categoria , o meglio da parte dei loro massimi livelli ,circa la drammatica situazione del commercio , queste i rimangono inefficaci come sterili " voci nel deserto ". Non seguendo infatti a queste invocazioni atti concreti di protesta collettiva , queste sembrano essere solo la maschera dietro cui si cela il vero volto di una classe dirigente afflitta da ignavia e pi√Ļ occupata ad ottenere prebende e favori personali che a spendersi concretamente per la salvezza ed il benessere delle categorie.
Claudio Rosselli

In merito agli incentivi, dopo la presentazione del decreto, ho telefonato al sig. Calaciura , membro del direttivo ANCRA, affinchè rivolgesse la mia richiesta al Dr. Paolo Galimberti, visto che ricopre il ruolo di Presidente ANCRA nonchè facente parte dei Senatori della Repubblica.
In questi ruoli da lui ricoperti dovrebbe far sentire forte la nostra voce , la voce di tutti gli associati CONFCOMMERCIO nel presentare queste nostre richieste di aiuto.
Stessa richiesta è stata da me rivolta anche all'On. Ottobre, deputato del Trentino Alto ADIGE .
Ma sino ad oggi nessuna risposta da parte delle persone da me interpellate.
Sono lieta che anche Aires si sia mossa .
Vorrei rivolgere un forte appello a tutti i colleghi.
SE TUTTI NOI STIAMO ZITTI, SE NON CI MOBILITIAMO, SE NON CI FACCIAMO SENTIRE SAREMO SEMPRE DI PIU' SCHIACCIATI .
Un invito anche alla redazione di "TRADE" .
Aiutateci a far sentire la nostra voce, la voce dei piccoli, di quelli che lavorano come le formichine , APRENDO UN BLOG, inventandoci qualcosa, ma dobbiamo MUOVERCI !!!!
Grazie a Voi della redazione e a tutti i colleghi che vorranno proseguire nel rispondere a questo articolo
Rosa Dallavo (ex presidente ANCRA )

Claudia Marini

Venerdì, 21 Giugno 2013 12:19:22

Mi congratulo la Redazione e con l'Editore per l'ottima idea di aprire un forum sul tema.
AIRES ritiene essenziale che nel provvedimento vengano inseriti in maniera chiara e indiscutibile (anche per evitare complicazioni ai contribuenti) tutti gli elettrodomestici indipendentemente dalle modalità di vendita e di installazione.
E' bene anche ricordare che il provvedimento del Governo, da approvare in via definitiva nelle prossime settimane, è un Decreto Legge in materia di "efficienza energetica e misure fiscali", pertanto l'estensione agli elettrodomestici ad alta efficienza è assolutamente coerente con l'impianto normativo iniziale.
Il Presidente della AIRES, Alessandro Butali, in audizione al Senato lo scorso 19 Giugno ha evidenziato inoltre che non vi sono problemi di copertura finanziaria, e che si tratterebbe non di contributi erogati "a pioggia" ma tramite una azione selettiva di promozione dei consumi e della riqualificazione energetica di tutti gli edifici in fase di ristrutturazione.
AIRES insieme ai suoi associati inoltre, di concerto con Federdistribuzione, qualora le proprie posizioni verranno accolte, si farà carico comunicare intensamente le opportunità di risparmio fiscale ai consumatori, dando così ulteriore slancio al mercato ed efficacia alla misura attuata.
Grazie dello spazio e della cortese attenzione.
Davide Rossi
Direttore Generale
AIRES - Associazione Italiana Retailers Elettrodomestici Specializzati