20 Novembre 2020  15:13

Anche per Cineplex un accordo con Universal sulle window

Valentina Torlaschi
Anche per Cineplex un accordo con Universal sulle window

© GettyImages

Il patto ricalca le condizioni di quello con Cinemark

Dopo AMC e Cinemark, ora anche la catena canadese di Cineplex (presente pure negli Stati Uniti dove è il terzo circuito per importanza) firma un accordo con Universal sulla regolamentazione delle window. Nel dettaglio, le due società hanno dichiarato di aver siglato un accordo pluriennale che stabilisce a 17 giorni la finestra di sfruttamento esclusivo in sala per i film “di fascia piccola e media” e a 31 giorni quella per i film che incassino più di 50 milioni di dollari nel primo weekend. Al termine delle window, Universal potrà rilasciare i suoi titoli sulle piattaforme in Pvod (con un costo di noleggio che pare dovrebbe essere sui 19,99 dollari per 48 ore). Ricordiamo che, in fase pre-Covid, la finestra tradizionale andava da da 74 giorni a 90 giorni.

L’accordo Cineplex-Universal ricalca dunque le caratteristiche di quello che Universal ha recentemente stipulato con Cinemark e che dovrebbero anche venir estese al patto di questa estate con AMC. Al momento non sono stati rivelati i dettagli; si sa solo che gli esercenti riceveranno una quota delle entrate dallo sfruttamento in Pvod.

Il presidente e CEO di Cineplex Ellis Jacob ha commentato: «La pandemia ha fatto capire ancora di più ai rappresentati dell’industria e agli spettatori la magia e l’esperienza unica di vedere un film sul grande schermo. Proprio per questo, siamo lieti di lavorare con Universal, un partner che ha la nostra stessa visione, che vuole rispettare le window e si impegna per la salute sostenibile a lungo termine dell'ecosistema dell’esercizio».

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 26 Novembre 2020
    E-DUESSE.IT, MAI COSÌ ESSENZIALE
    Già dai primi albori di Duesse Communication nel 2000 era chiara la necessità di informare, stimolare e aggiornare l...
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

  • 28 Novembre 2019
    UE, cala la pirateria online
    La buona notizia è che l’accesso a contenuti piratati in Unione Europea (28 gli Stati membri) tra il 2017 e il 2018 è calato del 15%, con le flessioni...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy