19 Maggio 2020  09:33

Anec, regole Dpcm penalizzanti e irricevibili

Valentina Torlaschi
Anec, regole Dpcm penalizzanti e irricevibili

GettyImages

Il presidente Mario Lorini chiede un confronto urgente col Governo per ridefinire le misure sulle riaperture dei cinema

Domenica 17 maggio il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il DCPM sulle riaperture nel quale vengono definite anche le misure di regolamentazione per l’attività delle sale cinematografiche. Misure che prevedono un tetto massimo di 200 spettatori per schermo e 1000 per spettacoli all’aperto, e che vanno dal distanziamento dei posti, all'obbligo di mascherine per spettatori e lavoratori sino al divieto di vendita di cibo e bevande. L’Anec, tramite l’Ansa, esprime forti dubbi su queste regole: “le misure per le sale cinematografiche sono irricevibili. Prefigurano un'insostenibilità economica e operativa che può minare il riavvio del settore”, ha dichiarato il presidente Mario Lorini, sollecitando un dialogo in tempi stretti con il Governo: "chiediamo urgentissimamente un confronto per opportune e necessarie revisioni. Abbiamo accettato la data per la ripartenza posta al 15 giugno, ma rispetto alle soluzioni per altre categorie, quelle che ci riguardano ci risultano inspiegabilmente penalizzanti e costituiscono anche un problema di immagine oltre che economico per il comparto".

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 22 Maggio 2020
    Ripartiamo, sì. Ma come?
    Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che, dal 15 giugno, i cinema potranno riaprire, lasciando alle
Vito Sinopoli - Box Office

ACCADDE OGGI

  • 31 Maggio 2002
    Vivendi: un comitato controllerà Messier
    Ieri il consiglio d’amministrazione del colosso francese ha deciso che il presidente Jean Marie Messier potrà, affiancato da un comitato speciale,...

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy