e-duesse.it / News / Cinema / David, 15 candidature ai Manetti Bros

navigation

David, 15 candidature ai Manetti Bros

David, 15 candidature ai Manetti Bros

Ammore e malavita dei Manetti Bros.

Tra i film con più nomination anche Napoli velata, La tenerezza, Nico 1988, The Place, A Ciambra e Gatta Cenerentola

Ammore e malavita dei Manetti Bros. è il film che ha ricevuto il maggior numero di candidature alla 62ª edizione dei David di Donatello e concorre in 15 categorie. Il secondo film più nominato risulta Napoli velata di Ferzan Ozpetek con 11 candidature. Seguono con 8 nomination La tenerezza di Gianni Amelio, Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli e The Place di Paolo Genovese, mentre ne hanno ottenute 7 A Ciambra di Jonas Carpignano e il film di animazione Gatta Cenerentola. Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell'Accademia David di Donatello, ha annunciato oggi alla stampa le nomination per la 62ª edizione del premio, la cui cerimonia si terrà mercoledì 21 marzo. I film sono stati eletti dalla Giuria dell'Accademia tra i film usciti in sala dall’1 gennaio al 31 dicembre 2017. Segue l’elenco completo delle candidature:

 

Miglior film:
A Ciambra
Ammore e malavita
Gatta Cenerentola
La tenerezza
Nico, 1988

 

 

Miglior regia:
Jonas Carpignano (A Ciambra)
Manetti Bros. (Ammore e malavita)
Gianni Amelio (La tenerezza)
Ferzan Ozpetek (Napoli velata)
Paolo Genovese (The Place)

 

 

Miglior regista esordiente:
Cosimo Gomez (Brutti e cattivi)

 

Roberto De Paolis (Cuori puri)
Andrea Magnani (Easy – Un viaggio facile facile)
Andrea De Sica (I figli della notte)
Donato Carrisi (La ragazza nella nebbia)

 

 

Miglior sceneggiatura originale:
Jonas Carpignano (A Ciambra)
Manetti Bros., Michelangelo La Neve (Ammore e malavita)
Donato Carrisi (La ragazza nella nebbia)
Susanna Nicchiarelli (Nico, 1988)
Francesco Bruni (Tutto quello che vuoi)

 

 

Miglior sceneggiatura non originale:
Barbara Alberti, Davide Barletti (La guerra dei cafoni)
Lorenzo Conte, Carlo D’Amicis (La tenerezza)
Gianni Amelio, Alberto Taraglio (Sicilian Ghost Story)
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza (The Place)
Paolo e Vittorio Taviani (Una questione privata)


Miglior produttore:
A Ciambra (Stayblack Productions, Jon Coplon, Paolo Carpignano, con Rai Cinema)
Ammore e malavita (Carlo Macchitella e Manetti Bros. con Rai Cinema)
Gatta Cenerentola (Luciano Stella e Maria Carolina Terzi per Mad Entertainment, con Rai Cinema)
Nico, 1988 (Marta Donzelli e Gregorio Paonessa per Vivo Film, con Rai Cinema, Joseph Rouschop e Valérie Bournonville per Tarantula)
Smetto quando voglio - Saga (Domenico Procacci e Matteo Rovere, con Rai Cinema)

 

Miglior attrice protagonista:
Paola Cortellesi (Come un gatto in tangenziale)
Jasmine Trinca (Fortunata)
Valeria Golino (Il colore nascosto delle cose)
Giovanna Mezzogiorno (Napoli velata)
Isabella Ragonese (Sole cuore amore)

 

 

Miglior attore protagonista:
Antonio Albanese (Come un gatto in tangenziale)
Nicola Nocella (Easy - Un viaggio facile facile)
Renato Carpentieri (La tenerezza)
Alessandro Borghi (Napoli velata)
Valerio Mastandrea (The Place)

 

 

Miglior attrice non protagonista:
Claudia Gerini (Ammore e malavita)
Sonia Bergamasco (Come un gatto in tangenziale)
Micaela Ramazzotti (La tenerezza)
Anna Bonaiuto (Napoli velata)
Giulia Lazzarini (The Place)

 

 

Miglior attore non protagonista:
Carlo Buccirosso (Ammore e malavita)
Alessandro Borghi (Fortunata)
Elio Germano (La tenerezza)
Peppe Barra (Napoli velata)
Giuliano Montaldo (Tutto quello che vuoi)

 

 

Miglior autore della fotografia:
Tim Curtin (A Ciambra)
Gianni Mammolotti (Malarazza - Una storia di periferia)
Gian Filippo Corticelli (Napoli velata)
Luca Bigazzi (Sicilian Ghost Story)
Fabrizio Lucci (The Place)

Luca Bigazzi sarebbe entrato in cinquina anche per il film La tenerezza, ma da regolamento viene candidato solo per il film più votato.

 

 

Miglior musicista:
Pivio e Aldo De Scalzi (Ammore e malavita)
Antonio Fresa, Luigi Scialdone (Gatta Cenerentola)
Franco Piersanti (La tenerezza)
Pasquale Catalano (Napoli velata)
Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo (Nico, 1988)


Miglior canzone originale:
“Bang Bang” (Ammore e malavita)
“A chi appartieni” (Gatta Cenerentola)
“Fidati di me” (Riccardo va all’inferno)
“Italy” (Sicilian Ghost Story)
“The Place” (The Place)

 

 

Miglior scenografo:
Noemi Marchica (Ammore e malavita)
Maurizio Sabatini (Brutti e cattivi)
Tonino Zera (La ragazza nella nebbia)
Giancarlo Basili (La tenerezza)
Ivana Gargiulo (Napoli velata)
Luca Servino (Riccardo va all'inferno)

 

 

Migliore costumista:
Nicoletta Taranta (Agadah)
Daniela Salernitano (Ammore e malavita)
Anna Lombardi (Brutti e cattivi)
Alessandro Lai (Napoli velata)
Massimo Cantini Parrini (Riccardo va all'inferno)

 

 

Miglior truccatore:
Veronica Luongo (Ammore e malavita)
Frédérique Foglia (Brutti e cattivi)
Maurizio Fazzini (Fortunata)
Roberto Pastore (Napoli velata)
Marco Altieri (Nico, 1988)
Luigi Ciminelli, Valentina Iannuccilli (Riccardo va all'inferno)


Miglior acconciatore:
Antonio Fidato (Ammore e malavita)
Sharim Sabatini (Brutti e cattivi)
Mauro Tamagnini (Fortunata)
Daniela Altieri (Nico, 1988)
Paola Genovese (Riccardo va all'inferno)

 

 

Miglior montatore:
Affonso Goncalves (A Ciambra)
Federico Maria Maneschi (Ammore e malavita)
Massimo Quaglia (La ragazza nella nebbia)
Stefano Cravero (Nico, 1988)
Consuelo Catucci (The Place)

Miglior suono:
A Ciambra
Ammore e malavita
Gatta Cenerentola
Napoli velata
Nico, 1988

 

 

Migliori effetti digitali:
Addio fottuti musi verdi (Chromatica, Wonderlab, Hive Division)
Ammore e malavita (Palantir Digital)
Brutti e cattivi (Autrechose)
Gatta Cenerentola (Mad Entertainment)
Monolith (Frame by Frame)


Miglior documentario:
'78 – Vai piano ma vinci (di Alice Filippi)
Evviva Giuseppe (di Stefano Consiglio)
La lucida follia di Marco Ferreri (di Anselma Dell’Olio)
Saro (di Enrico Maria Artale)
The Italian Jobs - Paramount Pictures e l'Italia (di Marco Spagnoli)

 

 

Miglior film dell’Unione Europea:
120 battiti al minuto
Borg McEnroe
Elle
Loving Vincent
The Square


Miglior film straniero:
Dunkirk
L'insulto
La La Land
Loveless
Manchester by the Sea

 

L'apposita Giuria, composta dal presidente Andrea Piersanti, Francesca Calvelli, Enzo Decaro, Leonardo Diberti, Paolo Fondato, Enrico Magrelli, Lamberto Mancini, Mario Mazzetti, Paolo Mereghetti, comunica le cinquine del miglior cortometraggio.

 

Miglior cortometraggio:
Bismillah (di Alessandro Grande)
Confino (di Nico Bonomolo)
La giornata (di Pippo Mezzapesa)
Mezzanotte zero zero (di Nicola Conversa)
Pazzo & Bella (di Marcello Di Noto)


Il miglior cortometraggio Premio David di Donatello 2018 è: Bismillah di Alessandro Grande


Oltre 6.000 giovani delle scuole superiori di tutta Italia votano per il:

David Giovani:
Gatta Cenerentola
Gramigna - Volevo una vita normale
Sicilian Ghost Story
The Place
Tutto quello che vuoi