26 Marzo 2020  14:20

“Chiudere non è nella nostra mentalità”

Redazione
“Chiudere non è nella nostra mentalità”

Marco Rivolta, impiegato nel negozio Expert City-Rivolta di Sovico (Mb) commenta la decisione di proseguire con l'attività e spiega anche com’è cambiato il lavoro nell’ultimo mese

Duesse.it ha deciso di intraprendere un ‘giro’ itinerante tra i punti vendita d’Italia di diversa insegna per chiedere loro conto della decisione di tenere aperta l’attività (in ottemperanza del Decreto Legge DCPM 23/03/2020) e capire come il lavoro di tutti i giorni è sensibilmente cambiato nell’ultimo mese, con l’emergenza corona virus sempre più stringente.

La prima realtà a rispondere alla nostra proposta è stata Expert City-Rivolta di Sovico (Mb). In particolare, Marco Rivolta, impiegato e figlio del titolare, ci spiega che la decisione di tenere aperto: “Per un imprenditore chiudere - se non è obbligato a farlo - è veramente difficile. Non è nella nostra mentalità. E soprattutto, servendo un piccolo paese, non ci sembrava giusto togliere il nostro presidio che poteva essere utile in caso di problemi. Infatti è stato così. Abbiamo fatto una scelta di servizio. Ci siamo messi al servizio della comunità”.

Com’è cambiato il lavoro di tutti i giorni in negozio? “Sicuramente è cambiato, questo è già un fatto. Oggi gestiamo un lavoro basato sulle emergenze: frigo rotto, lavatrice che non va e via dicendo… Quello che manca, e giustamente, è la pedonabilità in negozio: abbiamo attivato tutti i mezzi di comunicazione possibili. Un po’ come i vecchi tempi, si usa il telefono (fisso, ndr), tanto il cellulare, i social, email...ecc. Siamo rimasti in negozio solo io e mio cugino. I nostri genitori (titolari) e i dipendenti li abbiamo lasciati a casa.
Come crede cambieranno i risultati di business della vostra realtà in questo momento particolare?Adesso è difficile pensare a risultati o performance in generale. Facciamo quello che possiamo. Il nostro obiettivo è quello di non lasciare soli i nostri clienti e tutte le persone che hanno necessità. Lo ribadiamo sempre anche sui social: "venite solo in caso di vera necessità" ed è quello che sta succedendo, fortunatamente.

C’è qualche richiesta che si sente di mettere in luce all’Associazione di categoria e/o alle Istituzioni? I commercianti - e più in generale gli imprenditori - non sono molto abituati a chiedere, ma più a fare…Alle associazioni di categoria chiedo di essere un po' più presenti e al Governo di non dimenticarsi dei commercianti. Ne sento parlare troppo poco.

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

ACCADDE OGGI

  • 01 Aprile 2009
    Bang & Olufsen: chiusa la sede italiana
    Dopo i deludenti risultati finanziari a livello globale degli ultimi mesi, B&O ha deciso di chiudere gli uffici milanesi della sede italiana,...