e-duesse.it / News / Giocattoli / “Il giorno in cui Henry incontrò…?” arriva in Italia

navigation

“Il giorno in cui Henry incontrò…?” arriva in Italia

 “Il giorno in cui Henry incontrò…?” arriva in Italia

Monster Entertainment ha firmato con Team Entertainment per sviluppare il licensing e merchandising nel nostro Paese

Prima del debutto di “The Day Henry Met…?” sulla Tv italiana, lo scorsa domenica 7 gennaio su Rai, Monster Entertainment ha firmato con Team Entertainment per sviluppare il licensing e merchandising nel nostro Paese. Questo è il secondo step nella costruzione del brand di questa serie Tv, a seguito del recente accordo editoriale per il Regno Unito e l’Irlanda con O’Brien press. Rai Yoyo manderà in onda tre episodi al giorno, a partire dalle 16:40, di questa serie di successo per bambini prodotta dalla dublinese Wiggleywoo e dedicata ai giovanissimi di età compresa tra i 3 e i 6 anni. «La serie è trasmessa in Italia anche da Nick Jr. “Il giorno in cui Henry incontrò…?” continua il suo enorme successo tra i bambini di tutto il mondo con una terza e una quarta stagione in arrivo, e va in onda in 178 Paesi su Nick Junior e altri noti canali quali Canal Plus e ABC Australia – si legge nella nota stampa - I ratings sono stellari; il prodotto è al primo posto nella classifica delle serie per bambini in Australia per il suo target demografico». Team Entertainment, agenzia di Brand Management che opera e tratta le properties per bambini, è stata designata quale agente esclusivo per l’Italia per questo progetto. Tra i brand nel portafoglio della società ci sono, tra gli altri, Calimero Classic e CGI, Spike Team, Coconut Dragon, Grisù, Belle & Sebastien. «Siamo orgogliosi – dice Maria Romanelli, Ceo della compagnia – di lavorare su questo brand e renderlo un marchio di successo tra i più piccoli. Crediamo molto nel potenziale di questo prodotto, sottolineato anche dalla sua tecnica di animazione, nonché dai suoi contenuti, tanto umoristici quanto educativi, che lo rendono adattabile a numerose categorie merceologiche, nel nostro Paese e non solo. Pensiamo all’editoria, ai giocattoli, al BTS e all’abbigliamento come inizio».

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.