07 Agosto 2019  09:55

Il decreto Cultura è legge

redazione
Il decreto Cultura è legge

©pixabay

Ok del Senato al testo che prevede misure a sostegno dell’audiovisivo e del cinema

Con 139 sì e 109 astenuti il Senato ha approvato il decreto Bonisoli, che introduce « misure urgenti in materia di personale delle fondazioni lirico-sinfoniche, di sostegno del settore cinema e audiovisivo e finanziamento delle attività del Ministero per i Beni e le attività culturali e per lo svolgimento della manifestazione UEFA 2020». Viene introdotto, inoltre, un limite massimo di 36 mesi ai contratti a tempo determinato per i lavoratori dello spettacolo. Per quanto riguarda il settore audiovisivo, viene prorogata l’applicazione della nuova disciplina (con l’abbassamento degli investimenti in opere europee indipendenti “lineari” e gli obblighi per gli operatori on demand) dal 1° luglio 2019 al 1° gennaio 2020 e inserite misure a contrasto della pirateria (per esempio contro il camcording). In ambito cinematografico, viene inoltre modificata la commissione censura, aumentandone i componenti e togliendo la figura del sociologo. Positivo il commento del presidente dell’Anica Francesco Rutelli: «I contenuti sono importanti e le novità sono il risultato di un lungo lavoro di confronto nato dall’iniziativa decisa del Governo per portare a sintesi le proposte di tutti gli stakeholder. Per la prima volta le associazioni maggiormente rappresentative hanno potuto sviluppare il dialogo diretto sia con gli operatori storici, i broadcaster, sia con i rappresentanti delle piattaforme on demand, giungendo a risultati proposti al Governo in misura significativamente condivisa».

Ndr: testo modificato alle 10.40

Contenuti correlati : bonisoli pirateria cultura audiovisivo

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy