11 Aprile 2016  11:13

Mediaset-Vivendi, accordo raggiunto

Elena Rembado
Mediaset-Vivendi, accordo raggiunto

Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

Confermati lo scambio azionario del 3,5% e il passaggio al colosso francese della pay tv di Cologno. Almeno per ora, Pier Silvio Berlusconi non entra nel board d’Oltralpe

Come annunciato dalle indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, Mediaset e Vivendi hanno sottoscritto venerdì un’intesa che formalizza un’alleanza strategica tra i due gruppi europei. In primo luogo la partnership determina uno scambio azionario paritetico del 3,5% e il passaggio al colosso francese della pay tv Mediaset Premium. A valle dell’alleanza azionaria, il patto europeo prevede iniziative su produzione e distribuzione di contenuti, ma anche la creazione della prima piattaforma pan-europea di streaming di contenuti on demand. In particolare, Mediaset e Vivendi svilupperanno un progetto che si occuperà di produzioni di livello internazionale: i contenuti saranno ideati e realizzati da una nuova struttura, secondo standard e linguaggi adatti al mercato globale, e distribuiti sulle reti tv dei due gruppi in Italia, Francia e Spagna. Inoltre, le property online sono destinate a confluire in un unico progetto, in grado di garantire un’offerta di film e serie (anche originali) sempre più ampia e pregiata. Sul fronte della pay tv, infine, Vivendi con Mediaset Premium amplierà in modo significativo la sua presenza in Europa, portando la sua base abbonati totale a oltre 13mln. Mediaset, dal canto suo, proseguirà la sua attività di editore di canali e contenuti on demand per Premium su tutte le piattaforme. Secondo quanto ha affermato Pier Silvio Berlusconi, al termine del cda che ha approvato l’operazione, «ad oggi non è previsto» un suo ingresso nel board di Vivendi , ma non si esclude per il futuro. L’accordo, che dovrebbe essere finalizzato entro il 30 settembre, prevede dei paletti per i francesi, e in particolare un accordo di lock up di tre anni: nel primo anno Vivendi non potrà effettuare alcun acquisto di azioni Mediaset, mentre nel secondo e terzo anno non potrà possedere una partecipazione complessiva superiore al 5%. Secondo i sindacati, «la cessione di Mediaset Premium per arrotondare lo scambio di quote azionarie tra Mediaset e Vivendi denota la consueta supremazia degli aspetti finanziari su quelli industriali», si legge in una nota della segreteria nazionale Slc Cgil: «Siamo di fronte a un’operazione finanziaria da 880mln di euro, per ora, ma non sappiamo a quale progetto industriale e produttivo sia finalizzata e quali conseguenze potrà avere sull’occupazione e sul Paese».

Contenuti correlati : scambio azionario accordo Mediaset Vivendi Berlusconi Bollorè pay tv Premium
Iscriviti alla nostra newsletter

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Settembre 2020
    Poker al femminile
    Quattro numeri, quattro donne, in sequenza, su altrettante copertine di Tivù. La presidente di Doc/it, Claudia Pampinella,...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 27 Settembre 2017
    Netflix vola ad alta quota
    Il prossimo passo di Netflix sarà l’alta quota. Secondo Variety, a partire dal 2018 la piattaforma svod offrirà alle compagnie aeree la propria

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy