e-duesse.it / News / Videogiochi / Industria e istituzioni insieme per spingere il settore videoludico in Italia

navigation

Industria e istituzioni insieme per spingere il settore videoludico in Italia

Industria e istituzioni insieme per spingere il settore videoludico in Italia

 

Si è concluso il Game Industry Day 2017, evento promosso da Aesvi per sostenere le imprese italiane impegnate nella produzione e nello sviluppo di videogame

 

Investire sui videogiochi. Investire sul futuro”: questo è stato il tema centrale del Game Industry Day tenutosi oggi, 14 novembre, presso l’Acquario Romano. L’iniziativa, promossa da Aesvi, arriva al termine del processo d’attuazione della Legge Cinema, approvata in Paramento, e si è svolto con l’obiettivo di favorire il dialogo tra l’industria videoludica e le istituzioni. “Per essere più competitiva nel mercato globale, l’industria italiana dei videogiochi ha bisogno di interventi che possano dare impulso allo sviluppo della produzione a livello locale. In questo senso la Legge Cinema rappresenta un grande passo avanti per il settore”, ha dichiarato Thalita Malagò, Segretario Generale di Aesvi. “Ci auguriamo quindi che l’applicazione delle misure previste possa partire al più presto, dopo le necessarie verifiche in sede europea, e che lo sviluppo dell’attuazione della normativa nel prossimo futuro possa avvenire in due diversi direzioni: maggiori risorse finanziarie dedicate al settore dei videogiochi e maggiore focalizzazione sulla ricerca di investimenti internazionali a favore delle produzioni interne”. Quando i decreti diventeranno attuativi, l’industria potrà accedere a benefici quali Tax Credit produzione, per sostenere sia la produzione di videogiochi italiani ma anche la produzione di videogiochi stranieri nel nostro Paese. la Tax Credit distribuzione riguarderà invece la distribuzione internazionale dei videogiochi italiani e sostenere gli studi di sviluppo in self publishing. Infine sono previsti Contributi automatici e selettivi, legati ai risultati economici, culturali e artistici conseguiti dagli studi di sviluppo, in grado di coprire fino al 50% il costo di produzione dell’opera.

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.